Stuoia antalgica: come funziona il dispositivo medico Bio Happy?

La stuoia antalgica Bio Happy è un dispositivo medico di Classe 1, riconosciuto dal Ministero della Salute, la cui funzione è contrastare l’assorbimento delle onde elettromagnetiche all’interno dell’organismo. Posizionato a corredo del letto, il topper anti-elettrosmog scherma la persona durante il riposo, veicolando, grazie a una stratificazione di magneti e una dissipatore, l’inquinamento elettromagnetico a terra. La stuoia ha una funzione antalgica (antinfiammatoria) e antiossidante sui tessuti, che permette di attivare il metabolismo cellulare, garantendo benessere a livello profondo.

Stuoia antalgica biomagnetica

Stuoia antalgica Bio Happy, un dispositivo medico naturale e tecnologico

La stuoia Bio Happy sfrutta una composizione stratificata di 13 minerali che, grazie alle loro micro-vibrazioni, contribuiscono ad armonizzare i blocchi energetici, dovuti all’accumulo delle radiazioni elettromagnetiche, che sono causa di disfunzioni organiche. È da evitare l’utilizzo del dispositivo per le seguenti categorie di persone: donne incinte, portatori di pacemaker e di protesi metalliche e pazienti di chemioterapia.

Si tratta quindi di una soluzione che ha benefici quotidiani, reiterati nel tempo, in particolare per i disturbi dovuti alle infiammazioni. La stuoia biomagnetica è composta da:

  • una fodera in 100% cotone naturale, per un piacevole contatto sulla pelle;
  • una fibra tessile a marchio registrato Celliant, clinicamente testata, composta da un insieme di 13 micro minerali naturali, per stimolare l’ossigenazione dei tessuti attraverso l’azione termo attiva dei cristalli;
  • uno strato anti-batterico, composto da sottili fili in argento;
  • una lastra bugnata, dalla superficie irregolare, che massaggia delicatamente la cute e la rende più elastica;
  • un inserto in plastoferrite magnetico, che crea un campo statico e scherma la persona dall’assorbimento delle onde;
  • un reticolo in rame e uno in carbonio, che rafforzano l’azione protettiva della stuoia biomagnetica e si collocano nella parte inferiore, a contatto con il materasso che racchiude ;
  • un dispositivo dissipatore, collegato alla stuoia tramite un cavo in rame schermato, che impedisce il riflusso delle onde.

La stuoia biomagnetica è dunque un topper, o coprimaterasso, che svolge un’azione magnetoterapica sull’organismo della persona durante il riposo: un supporto per dormire meglio, in sicurezza, con la certezza che il proprio corpo non risenta di un eccessivo ’inquinamento elettromagnetico. Il prodotto è disponibile in versione per letto singolo, matrimoniale, a una piazza e mezza, oppure su misura.